Film estensibile per avvolgimento carichi: qual è il migliore da utilizzare?

By Cristiana De Gasperin 4 settimane ago

Il film estensibile è un materiale plastico composto da polietilene che nel mondo dell’imballaggio e, in particolare, nel packaging terziario, è di assoluta rilevanza. Non esiste tuttavia un film estensibile universale che sia perfetto per ogni azienda. Per scegliere il migliore per la propria attività, ogni azienda deve tenere conto dell’utilizzo che deve fare dello stesso, basandosi sugli obiettivi, sulle aspettative e sulle attrezzature a disposizione.

Iniziamo dicendo che esistono due diverse tecnologie utilizzate nella produzione: tecnologia bolla e tecnologia cast. Nell’estrusione (cioè la produzione di pezzi plastici a sezione costante) a bolla, uno o più strati di polimero (che compongono il polietilene) sono estrusi attraverso una filiera di forma circolare. Con l’estrusione su cast, invece, differenti strati di polimeri sono estrusi attraverso una filiera a testa piana e stesi su rulli raffreddati ad acqua. Quest’ultima comporta un processo più complesso e sofisticato rispetto alla prima, ma è comunque il metodo più utilizzato (70/80%).

Queste tecnologie garantiscono caratteristiche diverse al prodotto.

Il film estensibile estruso con tecnologia bolla tende a:

  • essere molto resistente alla rottura e alla perforazione;
  • avere un alto livello di adesività, talvolta eccessivo;
  • avere un costo maggiore.

Il film estensibile estruso con tecnologia cast tende a:

  • apparire più chiaro e brillante sul carico;
  • distendersi più lentamente;
  • evitare la propagazione di tagli.

Esistono principalmente tre categorie di film estensibile per avvolgimento carichi:

  • Film per uso manuale o per macchine senza gruppo prestiro: confezionato in bobine di peso contenuto, è utilizzabile anche manualmente. È un prodotto dalle molteplici applicazioni, dove non si richiede di soddisfare particolari esigenze, adatto per piccole linee di produzione, per ricondizionare carichi o per avvolgere colli di dimensioni anche modeste.
  • Film estensibile prestirato: come la tipologia precedente, questo tipo di film estensibile è adatto per l’avvolgimento con macchine senza gruppo prestiro o per uso manuale. Con questo prodotto si può però garantire un imballaggio più stabile che non deforma la merce.
  • Film estensibile per macchine con gruppo prestiro: è da utilizzare su avvolgipallet automatici dotati di carrello di prestiro elettronico. Può essere un film estensibile per medio o per alto prestiro. Questi tipi di film sono mediamente più costosi ma, se combinati con fasciapallet performanti dal punto di vista del prestiro, garantiscono un elevato risparmio di film estensibile e, di conseguenza, di denaro. La loro elevata capacità di allungamento consente un maggiore sfruttamento del film e, di conseguenza, l’utilizzo di minore quantità di prodotto. Questi film estensibili assicurano una superiore resistenza alla perforazione e sono quindi indicati per tutti i tipi di carico, compresi i carichi irregolari e/o particolarmente pesanti.

Infine devono anche essere effettuate delle scelte per quanto riguarda lo spessore del film estensibile: più il pallet è pesante e irregolare (cioè con sporgenze e prodotti disomogenei), più il film estensibile dovrà essere spesso per garantire la tenuta del carico ed evitare eventuali perforazioni che ne danneggerebbero la stabilità.

Lo spessore del film estensibile, la resistenza alla rottura e alla propagazione dei tagli, la capacità di pre-stiratura e altre caratteristiche devono essere considerate per scegliere il film estensibile adatto alle esigenze di ogni singola impresa.

I nostri tecnici possono aiutarvi in questo compito, non esitate a contattaci per scoprire la soluzione migliore per voi.

Category:
  Blog
this post was shared 0 times
 000